• alessandraschiavon

Il pane, le rose e le spine

"Straordinarie storie di ordinaria violazione dei corpi e dei diritti delle donne: è il titolo dell’iniziativa (organizzata dal Coordinamento Donne Cgil Toscana, in collaborazione con l'Ordine degli avvocati Firenze - Comitato Pari opportunità, con la Fondazione per la Formazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Firenze e con Controradio) che si è svolta lo scorso 14 novembre al Teatro Affratellamento a Firenze e che mi ha visto tra i relatori.

Qui sotto un servizio della giornalista A.Pagliai che racconta l'evento e che rivolge delle domande ad alcune delle relatrici (tra cui anche la sottoscritta).



Daniela Morozzi ha moderato, con l'avvocata Marina Capponi, la serata che ha visto interventi di Dalida Angelini (segretaria generale Cgil Toscana), Barbara Orlandi (Responsabile Coordinamento Donne Cgil Toscana) Daniela Caselli (Pres. Luna centro Antiviolenza di Lucca), Avv. Sibilla Santoni (Pres. del Comitato Pari Opportunità del Coa Firenze), Avv. Amelia Vetrone (Avvocata penalista), Michela Pascali (Segreteria Nazionale Silp Cgil), Avv. Silvano Imbriaci (Avvocato Inps) e della sottoscritta.

C'è quindi stata una intervista da parte di Raffaele Palumbo (Controradio) a Susanna Camusso, Responsabile Politiche di Genere Cgil Nazionale.

I bellissimi interventi musicali, che hanno accompagnato e sottolineato gli argomenti in oggetto, hanno visto protagonisti Michelangelo Zorzit e Maria Grazia Campus.

Alcuni momenti della serata:


Dal 24 novembre poi, per 10 domeniche consecutive, si continuerà a parlare di questo durante la trasmissione radiofonica di Controradio “Bread &Roses” , in cui si racconteranno, con le voci di Daniela Morozzi e Marina Capponi, storie liberamente ispirate a vicende realmente accadute, con protagoniste donne vittime di discriminazioni o violenze; storie di straordinario coraggio, alcune delle quali mi hanno visto coinvolta in qualità di psicologa delle protagoniste.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Segui AVO su Facebook